Stellar Lumens (XLM): Cos’è e come comprarlo, in Italiano!

Stellar Lumens (XLM) è la coin che assolve molteplici funzioni di utility sulla Blockchain omonima.

Quest’ultima nasce con lo scopo di fornire un sistema finanziario, dall’infrastruttura di più basso livello fino alle applicazioni front-end. La decentralizzazione ed il mantenimento di fees basse sono i due capisaldi di questo sistema.

L’infrastruttura consiste in un Exchange Decentralizzato (DEX), sul quale è possibile scambiare non soltanto coins e tokens nativi della Blockchain Stellar, ma anche altri asset. Addirittura, c’è modo di tokenizzare assets non crypto.

L’operazione è permessa dai cosiddetti anchors, nodi della rete che trattengono gli assets da trasferire sulla Stellar Network ed erogano i token corrispondenti.

Una volta che i token sono stati accreditati, è possibile spostarli e scambiarli sulla rete grazie al DEX.

La tokenizzazione riguarda anche le valute FIAT, che sono proprio il primo caso di tethering eseguito su questa Blockchain.

 

Gli Anchors, ed il credito on-chain

Come citavo nell’introduzione, gli Anchors sono entità che permettono il trasferimento di assets da off-chain alla Blockchain Stellar.

Per riuscirci, erogano credito on-chain (sotto forma di tokens), trattenendo il deposito effettuato.

Un banale esempio: Se inviate 1000€ ad un Anchor che permette il tethering (questo è il termine tecnico con il quale si indica la trasformazione in token – o meglio, il legare un token ad un asset), vi verranno accreditati 1000 EURT (T sta per token, il nome è arbitrario) spendibili sul DEX.

Si comportano un po’ come fa PayPal: tu depositi nel loro conto, in cambio ti accreditano un controvalore identico spendibile tramite i loro servizi. La differenza è che con Stellar questi servizi sono decentralizzati, così come la compravendita di assets.

Stellar Lumens - Gli Anchors
Rappresentazione grafica di un Anchor, e del suo funzionamento

L'Exchange Decentralizzato (DEX)

L’Exchange Decentralizzato è la spina dorsale della Blockchain Stellar, in quanto la rete stessa collabora per farlo funzionare. Tutto il suo financial system si basa sul DEX.

Esso consiste in un registro distribuito di ordini di Acquisto e Vendita, propagati su tutti i nodi.

Essi sono poi elaborabili e rappresentabili su un order book, in modo da visualizzarli su un’interfaccia grafica, a tutti gli effetti similare ad un Exchange tradizionale.

La differenza con quest’ultimo sarà che i fondi (tetherizzati o non) si troveranno nei wallet dei proprietari, e lo scambio avviene in maniera completamente decentralizzata.

La fee (che corrisponde al costo di transazione sulla rete) si paga in Stellar Lumens (XLM), la coin nativa della piattaforma.

Il DEX permette inoltre la conversione cross-currency: se esistono anchors per diverse valute, che le tokenizzano, è possibile creare un Mercato anche per loro. Questo spalanca le porte di Stellar per il mercato delle Remittances (ovvero dei trasferimenti interstatali di fondi). Una volta che i fondi tokenizzati saranno convertiti, tramite gli stessi Anchors sarà possibile ritrasformarli in moneta FIAT.

Il medesimo discorso vale anche per assets di altro tipo: azioni, materie prime, atti di proprietà. Per ognuno di essi, è possibile creare domanda e offerta in un mercato globale.

 

L'Exchange Distribuito di Stellar: un Mercato globale

Stellar Lumens (XLM): La coin nativa

In primis gli Stellar Lumens hanno il ruolo di anti-spam: è necessario possederne una seppur piccola quantità per poter avere un wallet attivo sulla Blockchain, ed inoltre sono necessari per pagare le fees di transazione sulla rete.

Questo impedisce ad eventuali attori malevoli la saturazione della rete e gli attacchi DoS.

In ogni caso, si parla di somme molto piccole, in quanto la piattaforma è pensata per essere massimamente inclusiva e non dispendiosa.

Ultima, ma non meno importante, utilità per la moneta è la semplificazione delle conversioni multiple. Essendo nativa della Blockchain, il suo Mercato sarà quello in assoluto più liquido.

Di conseguenza, qualora ad esempio si voglia convertire EUR in USD, ma non ci siano domanda ed offerta sufficientemente convenienti per lo scambio diretto, si può passare per gli XLM: EUR/XLM, XLM/USD. Le fees di scambio restano comunque minime e trascurabili.

Le coins sono state inizialmente distribuite in maniera decentralizzata: la Stellar Foundation ne ha trattenute soltanto il 5%, i restanti sono stati distribuiti sotto forma di airdrops e giveaways.

Il tasso di inflazione è dell’1% annuo: le fees vengono redistribuite passando attraverso quello che viene chiamato inflation pool, insieme ai nuovi Lumens creati annualmente. La distribuzione del pool è decisa da un processo di votazione.

 

Come comprare Stellar Lumens (XLM)

La coin è acquistabile sui principali exchanges direttamente in Bitcoin. Vi consiglio Binance, il più sicuro ed economico in fees. Rimando al tutorial sull’Exchange per imparare ad acquistare li sopra.

Se invece volete acquistare XLM in Euro, potete farlo su Kraken.

Conclusioni

Stellar Lumens (XLM), per certi versi, è simile a Ripple. La grossa differenza sta nella sua maggior decentralizzazione, sia dei fondi, che dei servizi.

La Mission è notevole, ed assolutamente concreta: creare una mercato globale che serva anche gli underbanked, ovvero coloro con limitati o addirittura assenti accessi al sistema finanziario tradizionale (Bancario).

Questo viene creato su un registro distribuito, con un sistema di consenso ad hoc e con la possibilità di tokenizzare assets non previsti sulla Blockchain stessa.

Non a caso IBM ci ha stretto una partnership: il potenziale è indubbio.

Se volete approfondire i concetti che ho esposto, potete farlo con questo video che ho registrato per l’occasione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.