Quando mi sono avvicinato al mondo delle Criptovalute, mi sono accorto subito di una cosa: è molto difficile reperire informazioni attendibili, e soprattutto adatte ad un neofita.
La stragrande maggioranza delle guide e tutorial sono in lingua inglese. I social media sono invasi da network marketer aggressivi che promettono a tutti di diventare milionari con le loro truffe. Il panorama italiano era pressoché deserto di contenuti di qualità.
In quel momento ho compreso quale sarebbe stata la mia mission: colmare il gap informativo che il neofita oppure il meno tech-savy si trova davanti nel suo primo approccio con questo mondo.

Mission
Mission

La Mission messa in pratica: Il canale Youtube

Quasi per gioco, ho avviato il canale youtube “Investire In Criptovalute”. Nome generico, abbastanza clickbait, nonché contenente parole con buoni volumi di ricerca.
Ho caricato i primi video dove spiegavo alcuni concetti di base, ed ho notato fin da subito un grossissimo interessamento. Eravamo in Novembre.

Inizialmente mi sono concentrato sulla creazione di contenuti informativi di qualità, finalizzati a chiarire i dubbi che io stesso ebbi durante il mio primo approccio con le Criptovalute.
In parallelo, ho creato una pagina omonima su Facebook, dove pubblicavo analisi di grafici ed idee di trading.
Vedendo la quantità di commenti che arrivavano, e di persone coinvolte, ho deciso di creare una communnity.

La nascita della community

Il primo passo è stato creare un gruppo su Facebook, che ha ricevuto mille adesioni in meno di due settimane.
Siccome tenevo sempre a mente la mia mission, il gruppo è sempre stato fortemente moderato. Spammers, network marketer, venditori di fumo venivano bannati senza riserva.
Tutelare i neofiti è sempre stata la mia priorità, perché odio chi sfrutta l’inesperienza altrui per proprio lucro.
In breve tempo si è formato un gruppo di amici, dove ci si sente tutti uguali, tutti li per imparare.
Condivisione, supporto e clima piacevole sono da sempre i capisaldi della community. Non ci si vergogna a fare neanche la più banale delle domande e nessuno fa il professore di turno. Tutti a disposizione di tutti.
Si guadagna, si sbaglia, e ci si supporta a vicenda nei momenti in cui il mercato ci gira le spalle.

Il Rebranding: scelta di un nome consono alla Mission

Una volta che la Community si è sufficientemente affermata, ho deciso di darle un nome riconoscibile, non più generico ed amatoriale, che ne rispecchiasse la filosofia.
Ho scelto “The Crypto Gateway”.
Il motivo è semplice: la piattaforma vuole essere una porta d’accesso al mondo delle Criptovalute. Mettere a disposizione tutto ciò che è necessario per apprendere e padroneggiare la gestione del proprio portafoglio e l’analisi del mercato.

Come mai un nome inglese per una community italiana? Per la semplicità e l’immediatezza che riesce a comunicare in poche parole, suonando bene.

Al rebranding ho associato anche un gruppo su Discord, dove si chiacchiera in maniera molto amichevole sui mercati, sulle proprie strategie, e su quello che ci va.
La discussione è divisa in sezioni per renderla meno confusionaria, e su richiesta sono disponibile a crearne altre per rendere il più user-friendly possibile l’esperienza di tutti.

Gratuità ed Accessibilità

Tutto il materiale necessario all’apprendimento ed al perfezionamento sarà sempre gratuito. Non venderò mai videocorsi a migliaia di euro.
Sono disponibili servizi premium (tutoring individuali, strumenti avanzati realizzati on demand, …) a pagamento, ma tutti quanti realizzati “su misura” e su richiesta.

Shared Economy: l’utopia delle Criptovalute

Nel mio piccolo, voglio realizzare in questo gruppo la mission dietro al sistema delle Criptovalute: creare un’autentica shared economy.
Dare padronanza ad ognuno dei propri fondi, governo su di essi, nonché la possibilità di gestirli con consapevolezza.
Proprio perché la consapevolezza è la chiave di tutto, fornire a tutti gli strumenti per averla è il mio obiettivo primario.